Giovedi 20 febbraio la comunità valdese di Mantova ha aperto le porte del tempio di Isabella d’Este ad un gruppo di mantovani che, guidati dal prof. Marocchi, hanno compiuto un percorso alla ricerca di chiese scomparse. Gli incontri sono stati organizzati dal gruppo cultura di San Pio X. Entrando nel tempio valdese in molti hanno scoperto un luogo inatteso: una chiesa che, dopo un lungo periodo in cui era stata adibita a magazzino, ha ritrovato la sua vocazione a luogo di culto grazie ai valdesi che nel 1890 l’hanno acquisita cambiando la sua storia.

 

Categorie: Notizie

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.